Sesso, Principi azzurri e staccionate bianche 4° Puntata

 Dalle puntate di Sex&The City alla chiacchiera al pub di sabato sera, il passo è breve e il tema rimane lo stesso: ma cosa vogliamo da un uomo? E per non correre il rischio di generalizzare troppo e cadere nei luoghi comuni, parliamo pure di me. Ma cosa voglio io dagli uomini? Mia madre mi chiede, durante una trasferta in un piccolo paesino (anzi, che ricorda ricordi) se ho un corteggiatore e rimane basita dal mio risponderle vaga "mica uno, parecchi"…ora, scherzando pure sul fatto che ci siano o meno – non mi sono montata la testa e mi sto anche espandendo, perdendo quel po’ di forma che avevo trovato, quindi lungi dall’essere un forte oggetto di attenzioni… – il punto è perché quelli che ci sono non vanno bene…povera mamma…sentirsi rispondere "non sono alla mia altezza". Sia chiaro, non è un problema di cm, o almeno finora non lo è stato, ma è proprio questione di sintonia. E la sintonia, si sa, viaggia su certe lunghezze d’onda. Così, meglio, dovrei rispondere che non hanno la mia stessa lambda. E va bè…che sarà mai? Tutt’al più un po’ d’interferenza…No, no, è proprio che in effetti non provo interesse per nessuno di questi esemplari che in un modo o nell’altro mi ronzano intorno e se anche mi diverto a flirtare bè, sia chiaro che il gioco non riescono proprio a reggerlo! Il problema alla base però – devo ammetterlo – non sono loro. Ogni tanto la categoria va pure difesa. In fondo non hanno alcuna colpa se sono stati progettati in modo da raggiungere il culmine della loro attività cerebrale per giocare al Fantacalcio…

Il problema sono io in questa crisi esistenziale di mezzo tra i venti e i trent’anni (tanto per puntualizzare che la crisi non ha età: non arriva solo dopo i trenta né è solo quella adolescenziale etc etc. La crisi è un sempreverde..). Io che mentre cerco di capire chi sono perdo un po’ il riferimento, come una nave in mezzo al mar che arrivata in prossimità di un arcipelago non sa dove attraccare. Così, mentre mi preparo a partire per un semplice Erasmus che può però rappresentare il piccolo inizio della mia vita da studiosa da convegno in convegno (lo prometto, se divento ricercatrice mi preoccuperò del mio stile e non indosserò mai twin-set da collegiale ma solo tacchi a spillo. Forma e contenuto, si sa, una qualche relazione devono pure averla, e non deve valere per forza la regola del complementare!), mi chiedo se non si adatterebbe meglio a me una vita tranquilla da mogliettina e se non dovessi investire il mio tempo per cercare un candidato marito che paghi il conto al ristorante e mi regali un anello per l’anniversario, invece di leggere il modello Ostanello-Tsoukias sulle dinamiche della decisione.

Il punto è, forse, che ho capito che non tutti vanno bene, e che devo solo trovare quello con cui può funzionare. Ma credo ancora alle favole e non ho voglia di cercarlo. Immagino che quando arriverà, si farà riconoscere da sé. Sarà quello con cui potrò fare mattina dopo un sabato di sbornia e non avere voglia di tornare a casa. Sarà quello con cui potrò condividere progetti. Sarà quello dietro l’angolo (o magari un po’ oltre sulla strada). Sarà quello che pensavo potesse essere o sarà quello al cui pensiero oggi inorridisco. Sarà quello che mi rispetta in modo speciale. Sarà quello che mi guarda e mi provoca. Magari sarà quello che ci prova e non accetta rifiuto. Sarà quello che mi fa ridere e mi fa venir voglia di scoprire la mia pancia. Sarà quell’altro che mi manca anche se non lo conosco e che mi spaventa il sol pensiero e smettiamo di augurarci buongiorno perché è pericoloso.

Sarà che sento che è così difficile. Ci avviciniamo e ci allontaniamo e giochiamo a chi più s’avvicina mentre l’altro scappa. Sarà che non siamo più dei ragazzini e allora possiamo divertirci insieme ma dobbiamo ben dosare. Perché poi se ti svegli al mattino e hai un pensiero in testa un po’ può essere pericoloso. Ed è ancora più pericoloso perché, se lo ammetti, diventi vulnerabile. E diventa forte chi sa di essere il tuo primo pensiero. E allora, come la piccola volpe addomesticata, ti sveglierai ogni giorno con l’ansia e la paura. L’ansia, perché non arriva mai l’ora di vederlo. La paura, perché potrebbe non arrivare.

Sarà che torno a casa dopo il passeggio in centro e accendo il pc. Digito la password pensando ad altro, e sbaglio. Digito il nome dell’ultimo incontro della serata. O forse non sarà uno sbaglio?

Annunci

11 Pensieri su &Idquo;Sesso, Principi azzurri e staccionate bianche 4° Puntata

  1. Cerchiamo ciò che forse nn esiste e vale anche x noi uomini…forse, e parlo x me, è destino che alcune persone debbano restare sole e altre trovino la persona giusta..boh..intanto il tempo scorre inesorabile e la solitudine è l’unica vera compagna fedele..

  2. …sarà che quando credi di averlo trovato è lui che non ha trovato te….sarà che sembra che nessuno più abbia voglia di innamorarsi veramente!
    Complimenti per il tuo blog!
    ciao

  3. Davvero è diventato difficile trovare qualcuno all’ “altezza”, se l’alternativa è dover scegliere tra uno che dopo 2 giorni che ti conosce già vuole sposarti senza nemmeno sapere (o voler sapere e dunque senza neanche essere veramente preso da TE, ma dall’idea di cui ha di te), o uno che la prima volte che sta per succedere “qualcosa” ti mette su un filmino un po’ particolare (e anche in quel caso capisci che non è te che vuole, anche fisicamente, ma gli interessa solo soddisfare un certo bisogno). E la cosa più spaventosa è invece che nonostante tutto tu un po’ ti 6 affezionata, ma 6 l’unica a starci male, al momento del commiato definitivo.
    E poi, sarà fifa, ma davvero preferisco (anche se certe volte sono debole anch’io e tutti i pensieri razionali e i prinicpi e le idee le manderei giù volentieri nel wc) la cara vecchia solitudine ad uno che sta con te una vita e che poi dietro alle spalle fa il cretino (e non solo) con tutte. Perché anche lì vuol dire che non vuole me, ma solo compagnia (forse farebbe meglio a comprarsi un animale domestico, lasciare la ragazza e spararsi tutte le storie che vuole…).
    Mi vien da chierdermi se gli uomini sono ancora capaci di innamorarsi seriamente di una e una sola persona, proprio perché è lei e non per le circostanze né per i propri bisogni vari?
    PS: scusa il commento (sfogo) lungo
    M.

  4. nella tua vita non mancheranno uomini che ti faranno perdere la testa e per cui tu la perderai…c’è già qualche francesino che fa per te che ti sta cercando,chissà,forse è anche bruttino e antipatico! 🙂

  5. non è vero ke esistono ragazzi ke pensano solo a soddisfare i propri bisogni..e cmq ci sono donne ke fanno lo stesso…la sera prima si aggrappano a te x darti l’anima, e il giorno dopo…SPARISCONO! Come se amare qualcuno, fosse solo un gioco…x me non lo è, per questo sto male…anderthon…ciao lu’

  6. la mia esperienza dice il contrario…certo non tutti.
    Cmq il senso era proprio quello: ho bisogno di te perché ti amo e non ti amo perché ho bisogno di te (come ha detto non so chi)

  7. finalmente posso lasciare il commento!!!cmq…sì devo dire ke io con i ragazi sono una sfigata…sono stata con un tipo ke poi ho mollato ma mi sono rimasti i sensi d colpa e n so cosa devo fare…questo penso ke succeda un po a tutti…anch’io come te n ho voglia d mettermi a cercare il principe azzurro (sempre s e esiste!!!)…e così adesso sono una single a volte felice…xke altre volte avrei voglia d un po di coccole d un ragazzo 😦
    tanti complimenti x il blog…t consiglierei d srivere un libro 🙂

  8. @ Ayla: grazie per i complimenti e…non sentirti in colpa, se lo hai mollato è solo perchè sei stata onesta con lui. In fondo, si può tranquillamente continuare a stare con una persona pur senza amarla…come dice M di quei tali che fanno i cretini alle spalle della ragazza con cui stanno da una vita…e preferisco la mia solitudine a volte malinconica e la mancanza delle coccole a coccole che invece sarebbero solo un modo per non pensare al fatto che sei sola comunque, se non ami e se non sei amata. In fondo, si tratta proprio di quello: “Ho bisogno di te perchè ti amo/ti amo perchè ho bisogno di te”. Chissà!
    @ anderthon: cambia pagina, il futuro è là che t’aspetta. e spegni il computer. e smetti di fumare. Sarà la promessa che devi mantenere per me, quando sarò tornata vorrò questo.Ok?
    @ Sign: ma cos’è…gelosia? Sarà bellissimo e simpatico il mio francesino. Anzi no, SARANNO BELLISSIMI E SIMPATICI…

  9. Ahia, attenta! Nei momenti in cui senti che la libertà ti sta troppo larga, il rischio della cotta è in agguato! Parlo per esperienza personale… 🙂

    P.S. Bellissimo post 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...