Sono rigida a casa mia e consumo gli spaghetti col pesto masticando nervosamente. Il pane, i pomodori e la fogliolina di basilico. I colori dell’Italia nel mio piatto. Il profumo di casa. Il disordine della mia camera invasa dai bagagli.
E una webcam in cui per la prima volta non ho paura di mostrarmi, e il telefono che squilla e butta giù tutti i kilometri.
Mamma e papà, invecchiati, molti più fili bianchi tra i capelli di lei, il solito silenzio di lui e il suo sguardo oltre il vetro. C’è la sua gatta.
Mi si stringe lo stomaco.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...