istinto

Avevo tra le mani la stampa di una mappa da Google Maps, che, fedele, ci ha aiutato nel percorso. La guardavo, leggevo le indicazioni, tutto perfetto. Quanta fatica, però, da quel foglio di carta, stampato in bianco e nero, riconoscere i territori che attraversavamo, e che ci continuavano a stupire, belli, quasi infiniti.
Sentivo il desiderio di sfogliare una mappa vera, una carta, un insieme di carte, di segnarle, con la matita, di definire il percorso così, poggiati sul cofano dell’auto, l’aria fresca, una sigaretta in mano.
Forse antigeek mentre mi rifiuto di farmi piacere tom tom e aggeggi simili, mentre resto molto affascinata dal potere della neogeography, non posso smettere di amare l’odore della carta.
Oggi, ho comprato un atlante stradale e mi sento felice
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...