A cosa stai pensando? (#1)

Stasera ci ho la lacrimuccia facile, che il film mi commuove, la pubblicità pure, e quasi quasi pure la mozzarella (che in effetti era proprio saporita).
In realtà, al di là dello squilibrio ormonale causato dall’assenza di zuccheri e chocoelementi nel mio organismo, da cui deriva direttamente l’emozione per la mozzarella, sono giorni in cui sono facile all’emozione, ecco.
Così, mentre mi preparavo alla notte, stavo per aggiornare il mio stato di facebook per esprimere questa angosciante verità, e mi sono resa conto che no, non era quello lo spazio più adatto, ma questo.
Si, vero, non trovo mai il tempo, o forse gli spunti e gli stimoli, per bloggare qualcosa di interessante, ma in fondo non è scritto da nessuna parte cosa è o non è interessante. In questo momento per me è interessante il mio stato d’animo, e soprattutto, è il modo più semplice, questo, per lasciare tracce certe allo psicanalista che prima o poi dovrà cimentarsi con l’anamnesi della mia mente 😀
Annunci

cliché #3

Le mattine d’estate entro in bagno per fare la doccia e la vasca è invasa di panni da lavare separati già per colore.